Aliquote contributive artigiani e commercianti 2018

_____________________________________

Aggiornamento del 18/03/2017:

Paghe on line – il nostro servizio per elaborare le paghe in modo semplice, veloce ed economico, come funziona?

Preventivo Paghe on line
  1. (richiesto)
  2. (inserire email valida)
  3. (richiesto)
 

cforms contact form by delicious:days

  • L’Inps non inva più avvisi cartacei ad artigiani e commercianti riguardanti le proprie posizioni previdenziali. Il canale ufficiale tramite il quale queste sono inoltrate è il c.d. “Cassetto previdenziale”.

  • Tale occorrenza sarà operativa per la scadenza del 16 maggio 2018, data in cui scadranno i contributi previdenziali relativi al I trimestre 2018

  • Ricordiamo che per accedere al cassetto previdenziale il contribuente deve dotarsi di CODICE PIN o in alternativa delegare un professionista.



L’INPS 
ha aggiornato l’importo della contribuzione  dovuta dai soggetti iscritti nella gestione IVS (ARTIGIANI E COMMERCIANTI),  per l’anno 2018.

  • I contribuenti già in attività al 31.12.2017 che applicano il regime forfetario possono presentare, entro il 28 Febbraio 2018 la domanda per usufruire della riduzione del 35% dei contributi previdenziali dovuti alle Gestioni artigiani e commercianti dell’INPS. Il termine con la circ. INPS 27/2018 è stato confermato che, per i soggetti che hanno già aderito all’agevolazione contributiva l’anno precedente (2017), la stessa si applica anche nel 2018, ove permangano i requisiti necessari e non sia prodotta espressa rinuncia.

MISURA INTRODOTTA PER GLI ARTIGIANI:

Quest’anno, l’aliquota riservata agli artigiani è pari al 24,00%. Permane immutata la riduzione del 50% riservata agli esercenti con più di 65 anni di età, che già ricevono un trattamento pensionistico. Riduzione al 21,00% per i giovani con meno di 21 anni.

Artigiani

Commercianti

titolari di qualunque età e coadiuvanti / coadiutori di età superiore ai 21 anni 24,00% 24,09%
coadiuvanti / coadiutori di età non superiore ai 21 anni 21,00% 21,09%

MISURA INTRODOTTA PER I COMMERCIANTI:

E’ confermata, per gli iscritti alla gestione degli esercenti attività commerciali, la maggiorazione dello 0,09% ai fini dell’indennizzo per la cessazione definitiva dell’attività commerciale. Contributo inalterato per la copertura delle prestazioni di maternità, fissato a 0,62 euro mensili

Di conseguenza l’aliquota riservata ai commercianti è pari al 24,09%. Permane immutata la riduzione del 50% riservata agli esercenti con più di 65 anni di età, che già ricevono un trattamento pensionistico. Riduzione al 21,09% per i giovani con meno di 21 anni.

L’importo minimale annuo, preso a riferimento per calcolare i contributi, è pari ad €. 15.710,00 (da ragguagliare ai mesi effettivamente lavorati nell’anno).

Come viene conteggiato il contributo?

  • Il valore è ottenuto moltiplicando per 312 il minimale giornaliero di retribuzione da utilizzare per il calcolo dei contributi in favore degli operai dei settori artigianato e commercio Per il 2018 tale valore è fissato ad euro 48,20.  A tale importo deve essere sommato l’importo di euro 671,39.

RATE TRIMESTRALI DA CORRISPONDERE DA PARTE DEGLI ARTIGIANI:

  • Il contributo minimo calcolato sulla base delle indicazioni fornite  dovrà essere pagata in 4 F24/MAV trimestrali.

Misura delle ALIQUOTE

  • Per imprenditori e coadiuvanti l’aliquota applicata è pari al 24,09%

  • 21,09% per gli imprenditori e coadiuvanti la cui età anagrafica inferiore a 22 anni

  • Per i commercianti si aggiunge un’aliquota pari allo 0,09%

  • Su ogni singolo iscritto grava un contributo aggiuntivo di maternità pari a €. 0,62 mensili

Sul reddito che eccede il minimale si applicano le medesime aliquote:

 

  • Il massimale di reddito annuo entro il quale sono dovuti i contributi IVS è pari a € 77.717,00 (€46.630,00 più € 31.087,00).

  • Il contributo IVS per l’anno 2018 è dovuto sulla totalità dei redditi d’impresa prodotti nel 2018 per la quota eccedente il predetto minimale di € 15.710,00 annui in base alle citate aliquote e fino al limite della prima fascia di retribuzione annua pensionabile pari, per il 2018, all’importo di € 46.630,00.

  • Per i redditi superiori a € 46.630,00 annui resta confermato l’aumento dell’aliquota di un punto percentuale.

Modalità di versamento dei suddetti importi:

  • I contributi sul minimale devono essere versati in quattro rate trimestrali

  • Le eccedenze devono essere versate congiuntamente alle rate I.R.P.E.F. rivenienti dall’elaborazione del modello UNICO.

  • Sulle eccedenze a debito vanno conteggiati anche gli acconti, (80% del contributo a debito)

Un dubbio frequente riguarda la possibilità di svolgere un’attività artigiana compatibilmente  con quella da lavoro dipendente. In linea di principio vale la regola che il rapporto di lavoro dipendente non debba impegnare il lavoratore per un quantitativo di tempo non superiore al 50%. Diversamente le due fattispecie sarebbero incompatibili. Se il soggetto rispetta tale limite potrà svolgere entrambe le attività.

 

LA CIRCOLARE INPS

SCADENZE PAGAMENTI:

Le scadenze per il versamento dei contributi Inps 2018 per artigiani e commercianti sono le seguenti:

  • contributi dovuti sul minimale: 16 maggio, 21 agosto, 16 novembre 2018 e 16 febbraio 2019

  • contributi dovuti sul reddito eccedente il minimale: entro i termini previsti per il versamento dell’Irpef a titolo di saldo 2017, primo e secondo acconto 2018

CAUSALI VERSAMENTO:

  • pagamento contributi dovuti sul minimale di reddito: gli artigiani devono indicare AF e i commercianti CF

  • pagamento contributi eccedenti il minimale di reddito (a debito): artigiani AP e commercianti CP

  • pagamenti rateale dei contributi dovuti eccedenti il minimale: per artigiani APR e commercianti CPR

  • causale per contributi INPS primo pagamento con F24: contributi dovuti sul minimale di reddito anni pregressi, AFP e CFP; contributi dovuti sul reddito eccedente il minimale anni pregressi, APP e CPP

  • Regolarizzazione pagamento contributi scaduti a seguito di accertamento: Pagamento per intero dei debiti segnalati con avviso di pagamento, AR ARN e CR ARN; pagamento contributivi scaduti eccedenti il minimale a seguito di accertamento con adesione, APMF e CPMF. Rateizzazione pagamento contributi a seguito di domanda di dilazione in fase amministrativa, AD e CD

PROGRESSIONE DELLE ALIQUOTE NEL CORSO DEGLI ANNI:

 

Preventivo Paghe on line
  1. (richiesto)
  2. (inserire email valida)
  3. (richiesto)
 

cforms contact form by delicious:days

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL:

STUDIO MARCONI

↑ Grab this Headline Animator

Servizio fornito da FeedBurner